martedì 30 agosto 2016

Teaser Tuesday/99

Il Teaser Tuesday è stato inventato dal blog Should be reading (ora trasferito su A daily rhythm). Le regole sono le seguenti:
1. prendi il libro che stai leggendo
2. aprilo a una pagina a caso
3. copia uno spezzone della pagina (senza fare spoiler!), riportando anche titolo e autore.
Naturalmente potete scrivere nei commenti qui sotto il vostro teaser.

Ecco il teaser di questa settimana:

Joseph annuì e corse giù in cucina. Il bollitore era pesante, ma riuscì a riempirlo d’acqua e a portarlo fino alla stufa. Mentre aspettava, curiosò un po’ attorno, aprendo ante e cassetti. Scoprì una scatola di ceramica blu e bianca nascosta in un angolo, dietro a barattoli di zucchero e sale. Le parole AUT VISUM AUT NON erano dipinte sul coperchio.
"O lo vedi, o non lo vedi".
Quelle parole stavano cominciando a suonare come una minaccia. Cosa non vedeva, esattamente?
Brian Selznick – Il tesoro dei Marvel

martedì 23 agosto 2016

Teaser Tuesday/98

Il Teaser Tuesday è stato inventato dal blog Should be reading (ora trasferito su A daily rhythm). Le regole sono le seguenti:

1. prendi il libro che stai leggendo
2. aprilo a una pagina a caso
3. copia uno spezzone della pagina (senza fare spoiler!), riportando anche titolo e autore.
Naturalmente potete scrivere nei commenti qui sotto il vostro teaser.

Ecco il teaser di questa settimana:
Quella settimana il gruppo di sostegno si era un po' sfoltito. Natasha era in vacanza, e anche Jake, il che mi fece sentire sollevata ma al tempo stesso un pochino contrariata per qualche ragione che non sapevo spiegare. Il tema della serata era "Se potessi tornare indietro", e questo diede il pretesto a William e Sunil di mettersi a canticchiare di tanto in tanto If I Could Turn Back Time di Cher per tutta la durata della riunione.
Jojo Moyes – Dopo di te (Io prima di te#2)

martedì 16 agosto 2016

Teaser Tuesday/97

Il Teaser Tuesday è stato inventato dal blog Should be reading (ora trasferito su A daily rhythm). Le regole sono le seguenti:
1. prendi il libro che stai leggendo
2. aprilo a una pagina a caso
3. copia uno spezzone della pagina (senza fare spoiler!), riportando anche titolo e autore.
Naturalmente potete scrivere nei commenti qui sotto il vostro teaser.

Ecco il teaser di questa settimana:
Fu allora che Miss Maple distribuì gli incarichi di sorveglianza. Sulla collina appostò Sir Ritchfield, che nonostante l’età aveva ancora occhi buoni. Da lì si poteva vedere fino a oltre le siepi, su fino alla strada asfaltata. Mopple the Whale non aveva occhi buoni, ma buona memoria. Fu perciò messo accanto a Ritchfield per memorizzare tutto quello che veniva visto dal primo. Heide e Cloud sorvegliavano il sentiero che attraversava il pascolo: Heide prese posto al cancello in direzione del villaggio, e Cloud nel punto in cui la strada scompariva in un avvallamento. Zora, una pecora dalla testa nera che non soffriva di vertigini, si mise su uno degli spuntoni di roccia della scogliera, da dove poteva tenere d’occhio la spiaggia.
Leonie Swann – Glennkill (Sheep detective story #1)

lunedì 15 agosto 2016

Abbasso la ciccia/10

Torno con "abbasso la ciccia" dopo molto tempo per raccontarvi come vanno le cose. Non mi sono arresa (ci mancherebbe altro), solo dall'ultimo post (questo) ero oscillata tra i 56 della foto e i 58-59, calando e crescendo, ma mai tornando a vedere il famigerato 60 (e ci mancherebbe altro). Sono lontani i tempi in cui la malefica bilancia mi segnava 65kg sbeffeggiandomi e costringendomi a strizzarmi nei vestiti e anche a vergognarmi. Sono finiti i tempi in cui mia madre mi diceva che ero grassa come un porcello. Sono finiti i tempi in cui compravo le braghe a gennaio e a marzo già mi andavano strette. FINITI.

Stamattina pesavo 53kg.

Sto camminando da nove giorni. Che sembrano niente, che saranno mai nove giorni dopo 26 anni passati seduta sopra al didietro a leggere, a "studiare", a giocare a Legend of Zelda davanti al computer. Invece, con mia grande sorpresa, peso esattamente come nove giorni fa, ma il girovita è già calato di due centimetri. Non ci credo neanche io.
All'inizio, quando pesavo i miei 65kg senza ritegno, pensavo che quando sarei arrivata a 55 sarei stata magra (il mio obiettivo era 52, ma ritenevo che dopo dieci chili mi sarei vista magra). Non magra tipo modella, tipo carestia, ma magra. Diciamo magra senza i rotolini di ciccia tipo salvagente che mi sbucano dai pantaloni. Diciamo magra senza le maglie che si appoggiano al grasso sopra al didietro. Non magra da contare le ossa, ecco. Diciamo "normale" (che certo, potremmo stare qui fino a domani a disquisire sul concetto di normalità, comunque avete capito cosa intendo).
Durante l'anno che ho passato all'asilo ho preso del peso, anche se non saprei dirvi quanto di preciso. Non ricordo quanto pesavo a settembre. Però a giugno, quando sono uscita da lì, ero sui 55-56 e i pantaloni comprati a gennaio tendevano ad andarmi larghi. Credo che il punto principale sia che mangiavo in velocità e che non c'era quasi mai la pasta (io vivrei di pasta) e molto poco pane. I giorni che per grazia di Dio sul menù non c'era qualche tipo di passato o di brodaglia o cose così, e ci mandavano la gloriosa pasta, la cuoca mi chiedeva sempre: "com'è?" (perché ero la prima tra le maestre a mangiare, mentre lei preparava i piatti sui tavoli dei bambini) e io: "è pasta". In quei giorni gloriosi, non mi facevo tanti problemi a entrare nella pentola.
Comunque, torniamo alla camminata. Sabato scorso stavo spettegolando con Davide su whatsapp, mentre nel frattempo pregavo che la batteria del telefono prendesse la carica (alla fine ho dovuto cambiarlo, e vi farò un post apposta, così potrete dirmi che avrei dovuto prendere un android e non un Lumia) e lui mi ha chiesto se mi andava di andare a camminare la domenica. Volevo tanto mandarlo in Cina (cit.), ma poi ho detto di sì. Il giorno dopo abbiamo camminato un'ora. Ridendo e scherzando, quando sono arrivata a casa non ero neanche tanto stanca, ma il giorno dopo le mie gambe e le mie chiappe (inspiegabilmente) stavano redigendo un contratto di divorzio (come spiegazione di questo, vale il discorso di prima sullo stare seduta tutto il tempo). Però non mi sono arresa (volevo, ma sapevo che la domenica dopo sarebbe stato un casino uguale, a camminare una sola volta alla settimana), così lunedì mi sono messa le scarpe e sono partita (mezz'ora però). E martedì. E mercoledì. E giovedì le gambe hanno capito che potevano anche stracciare il contratto. Insomma, oggi è il nono giorno di camminata (oggi un'ora, come la domenica). Venerdì ho anche comprato da Decathlon delle scarpe apposta (queste), che le Nike mi stavano strizzando il piede sinistro (quello destro no, mistero) e sono così belle e comode che mi viene quasi voglia di correre (no, non corro, quello non ce la posso fare senza una bombola di ossigeno). Ieri Davide ha addirittura detto che non mi stava dietro, e io ero tipo: "è tutto merito delle scarpe, non ne avverti il nero potere? (Oh, caspita, è nero forte!)". E la cosa migliore è che le ho pagate una scemenza (17,90€) e le ho scelte nel reparto bambini, che tanto arriva fino al 39 e io porto il 38 per cui sono a posto.

martedì 9 agosto 2016

Teaser Tuesday/96

Il Teaser Tuesday è stato inventato dal blog Should be reading (ora trasferito su A daily rhythm). Le regole sono le seguenti:
1. prendi il libro che stai leggendo
2. aprilo a una pagina a caso
3. copia uno spezzone della pagina (senza fare spoiler!), riportando anche titolo e autore.
Naturalmente potete scrivere nei commenti qui sotto il vostro teaser.

Ecco il teaser di questa settimana:
Mostrai a Hawkins il «soggetto» e gli diedi il numero del caso. Ascoltò impassibile. Tipico di Hawkins. Nessuna domanda, nessuna reazione. Nessun errore. Anche se non ha un comportamento gioviale, è di gran lunga e in assoluto il miglior tecnico di autopsia del posto. Ha raggiunto questa posizione decenni prima del mio arrivo.
Kathy Reichs – La verità delle ossa (Tempe Brennan #18)

martedì 2 agosto 2016

Teaser Tuesday/95

Il Teaser Tuesday è stato inventato dal blog Should be reading (ora trasferito su A daily rhythm). Le regole sono le seguenti:
1. prendi il libro che stai leggendo
2. aprilo a una pagina a caso
3. copia uno spezzone della pagina (senza fare spoiler!), riportando anche titolo e autore.
Naturalmente potete scrivere nei commenti qui sotto il vostro teaser.

Ecco il teaser di questa settimana:

La mattina del funerale fuori era buio pesto, ma i raggi lunari filtravano tra le nuvole e risplendevano attraverso la finestra spalancata. La mia camera era gelida, ma non mi importava. Nelle due notti dopo la morte di Macon, avevo lasciato la finestra aperta come se lui avesse potuto venire in camera mia per sedersi sulla sedia girevole e rimanere un po'.
Kami Garcia, Margaret Stohl - La diciassettesima luna (Caster chronicles #2)

lunedì 1 agosto 2016

Recensioni lampo (luglio)

Questo mese la situazione è molto magra, e francamente non mi spiego come mai, dato che ero a casa disoccupata. In verità, ero in montagna, ma ho sempre letto un po' anche se venivo fuori dai sentieri con le gambe che tipo "cosa? dobbiamo fare anche tre piani di scale per arrivare in cima? ma tu scherzi, tesoro, noi ce ne andiamo in un altro corpo" e la sera strisciavo fino al letto.
Attenzione: possibili anticipazioni sulle trame.
Jonathan Stroud - Il teschio parlante (Lockwood & co. #2) êêêêê 
Teaser tuesday qui.
Anthony Lockwood ♥
Rick Riordan - La spada del guerriero (Magnus Chase e gli dei di Asgard #1) êêêê 
Sulla falsariga delle altre due serie, ma abbastanza bene.
Però francamente, zio Rick, non è meglio se lasci da parte i vecchi personaggi? Cioè, non so se l'avete intuito, ma Magnus è il famoso cugino di Annabeth.
Cassandra Clare - Signora della mezzanotte (Shadowhunters - Dark artifices #1) êêê 
Teaser tuesday qui.
Emma Carstairs, che cavolo combini?
Le storie degli Shadowhunters si somigliano un po' tutte, è vero, ma stavolta le cose sono sfuggite un po’ di mano. Io ho capito che deve essere una trilogia o che ne so, ma non è che se Emma fa la scema allora tutti ci precipitiamo a leggere i prossimi. Io personalmente più che leggere i prossimi, entrerei nel libro e la prenderei a schiaffoni.
Per la prima metà del libro è tutto un raccontarci di quanto siano belli e dorati i capelli di Emma, di quanto i suoi occhi e di quanto Julian e di quanto aah, si salterebbero addosso ma sono parabatai e fanno finta di niente e dopo un po’ mi stavano cadendo le braccia. Poi, quando finalmente decidono che 'fanculo la legge, quando spero che finalmente si vada vanti col resto della storia e basta con questo vorrei ma non posto (lo so che ho scritto “posto”, sto pensando alla canzone), Emma fa un passo avanti e tre indietro. Cioè, alla fine l’avrei uccisa con le mie mani. Ma si può essere così indietro? Digli: "Julian, ti amo da impazzire ma Jem mi ha detto così e così, che si fa?", non "Julian, non possiamo stare insieme". Cioè, uno che gli dici così, non è che smette di amarti. E poi siete sempre tra i piedi, non è che improvvisamente non vi vedete più. Non so la zia Cassandra dove le tira fuori certe stupidaggini.
Il resto della vicenda, tralasciato il miele e le cose di cui sopra, è abbastanza bene. Magari tagliando un centocinquanta pagine di occhi e capelli poteva prendere una stella in più.

Jenny Han - P.S. ti amo ancora (To all the boys I've loved before #2) êêêê
Teaser tuesday qui.
Non lo so, ero curiosa di leggere questo perché il primo mi aveva lasciata con la voglia di sapere come sarebbe andata con Peter, però la situazione è sempre la stessa, Genevieve in mezzo ai piedi e tutto il resto (personalmente trovo che la vicenda di Genevieve avrebbe potuto essere interessante, se lei avesse voluto farsi aiutare, ma siccome lei passa il tempo a comportarsi male con Lara Jean, allora fottiti). A questo punto immagino che ce ne sarà un terzo che parlerà di John Ambrose McClaren III (ma si può mettere a un figlio un nome così?).